Home Islanda Islanda del Sud

Islanda del Sud

di GranBelViaggio
0 commenti
Skogafoss Islanda

Il primo impatto con l’Islanda non si scorda mai e, se inizierai da questa zona, sarà senza dubbio così anche per te. In questo articolo trovi tutto ciò che non devi perderti nel Sud dell’Islanda.

Il sud è la regione più visitata di tutta l’Islanda.

Ci sono vari motivi, sicuramente è la zona più vicina a Reykjavik e all’aeroporto di Keflavik, quindi davvero facile da raggiungere anche con escursioni in giornata da Reykjavik.

Proprio in questa regione si snoda il percorso del famoso Golden Ring o Cerchio d’Oro, uno dei classici itinerari in Islanda del Sud. Questo percorso è fattibile in un giorno partendo da Reykjavik e permette di visitare alcune delle più belle attrazioni naturali della zona.

Ma l’Islanda del Sud ha anche molto altro da offrire oltre a ciò che è visitabile percorrendo il Golden Ring, e troverai tutto qui sotto.

Chi decide di effettuare il giro completo dell’Islanda ha un’ottima occasione di esplorare più a fondo tutta la regione a Sud, e ne vale veramente la pena.

Cosa vedere in Islanda del Sud

Cratere di Kerid

Kratere di Kerid in Islanda

Si tratta di un cratere vulcanico all’interno del quale si è formato un piccolo lago. La colorazione del lago e dei pendii circostanti è molto particolare.

Il cratere è profondo soltanto 55 metri ed è caratterizzato da pendii tendenti al rosso, ricoperti soltanto in alcune parti da erbe e muschi.

Il lago, la cui profondità varia, a seconda della quantità di piogge, da 7 a 14 metri, ha un colore azzurro molto intenso a causa dei minerali presenti nel cratere.

Geysir: il geyser più famoso del mondo

Geysir Gayser Islanda

Probabilmente il Geyser più conosciuto e fotografato al mondo, tanto da aver dato il nome al fenomeno stesso.

Erutta ogni pochi minuti e spinge acqua bollente a circa 50-60 metri di altezza. Lo si può osservare da abbastanza vicino, circa 20 metri come si vede nella foto (purtroppo scattata in una giornata grigia, quindi la colonna d’acqua non risalta contro il cielo)

Cascata Gullfoss: primo impatto con l’acqua in Islanda

Cascata Gullfoss

La Gullfoss è una grandissima cascata divisa in due cascate più piccole, dopo le quali il fiume entra in una gola stretta e profonda.

E’ possibile raggiungere la riva proprio a lato della prima cascata, quindi si ha quasi l’effetto di osservare la cascata dal suo interno.

Il doppio salto e la ridotta dimensione della gola dopo la seconda, e più alta, cascata fanno sì che l’acqua che si solleva sia moltissima: sappi che ti bagnerai dalla testa ai piedi, quindi meglio coprirsi (come pressochè in tutte le grandi cascate in Islanda): è arrivato il momento di sfoggiare l’abbigliamento adatto a questa terra.

Cascata Haifoss: una meraviglia ben nascosta

Non è una tra le più rinomate ma a mio parere è sul podio tra le cascate più belle di tutta l’Islanda, quindi non posso far altro che suggerirti di andarla a vedere.

Si trova su un altopiano sul quale devi recarti apposta per vederla: non è molto comoda da raggiungere ma ne vale assolutamente la pena. Si deve percorrere in una strada piuttosto dissestata dove incontrerai principalmente fuoristrada (sempre che tu incontri qualcuno…sei in Islanda, le persone sono cosa rara!)

Una volta arrivato, lascerai la macchina a poche decine di metri da una enorme fessura che si apre nell’altopiano in cui di trovi: ti troverai di fronte ad un autentico spettacolo della natura, il corso d’acqua si getta dall’altopiano direttamente fino in fondo alla base della gola.

L’acqua in seguito defluise lungo il fiume sottostante verso il mare in una valle incredibilmente bella, classico esempio dei paesaggi islandesi.

Valle Cascata Haifoss

Cascata Seljalandsfoss: la cascata più famosa d’Islanda

Seljalandsfoss Islanda
Foto di Diego Delso, License CC-BY-SA

La Seljalandsfoss è probabilmente la cascata più famosa di tutta l’Islanda. Visibile fin da molto lontano, si scorge direttamente dalla macchina ben prima di arrivare al parcheggio.

Una volta lasciata la macchina ci si incammina in direzione della cascata e ben presto ci si rende conto che c’è un sentiero che corre dietro la cascata.

Assolutamente un’esperienza da fare. Vestitevi perchè, ovviamente come spesso in Islanda, vi bagnerete.

Foto di Diego Delso, License CC-BY-SA

Cascata Skogafoss: la cascata più bella d’Islanda

Skogafoss Islanda

Una cascata gigantesca e bianchissima: larga 25 metri ed alta 60 si presta ad essere fotografata benissimo da davanti dato che il fiume scorre tranquillo accanto ad un’ampia area sassosa, sulla quale è presente anche un grande campeggio, e dove è possibile camminare fino a quasi sotto la cascata.

È veramente la cascata più bella d’Islanda? Chiaramente questa classifica è totalmente soggettiva e, a mio insindacabile giudizio, sì lo è.

Nelle giornate soleggiate è frequente che si formi un arcobaleno ben definito.

A destra della cascata, se siete abbastanza in forma, vi consiglio di arrampicarvi per la scalinata di circa 700 scalini. Una volta in cima potrete vedere la cascata dall’alto e il fiume che scorre prima di gettarsi dal salto della Skogafoss.

Relitto Aereo sulla Spiaggia

Non si tratta certo di natura in questo caso, ma il relitto aereo sulla spiaggia di Sólheimasandur resta un’attrazione affascinante. Se siete anche un po’ appassionati di aeronautica diventa una tappa imprescindibile.

Pensateci: sarà l’unica volta (lo spero) in cui sarete vicino ad un relitto aereo.

Si tratta di un aereo dell’aeronautica millitare americana che, nel 1973, è stato costretto ad un atterraggio di emergenza sulla spiaggia.

Potrete entrare all’interno del relitto. La spiaggia scura ed infinita con il relitto è senza dubbio un’occasione imperdibile per ogni fotografo.

Spiaggia Nera in Islanda

Le spiagge nere in Islanda si trovano nella parte più a sud dell’isola, nella zona di Vik, e meritano una visita: personalmente credo valga più la pena visitarle da un punto panoramico che scendere direttamente in spiaggia, difficilmente riuscireste a catturare scatti del genere dal livello del mare.

Spiaggia Nera Islanda

Il colore della sabbia deriva dalla sua composizione, ricca di cenere vulcanica.

Fate molta attenzione a visitare le spiagge nere in Islanda, possono diventare molto pericolose in caso di maltempo a causa di forti venti e onde.

Fjadrargljufur Canyon

Si tratta di un canyon che si è formato grazie allo scorrere dell’acqua negli ultimi 2 milioni di anni. Il canyon è percorribile da un lato seguendo un percorso pedonale che inizia proprio dal parcheggio alla base del canyon.

Il canyon si snoda in varie curve per una lunghezza di circa 2km ed è alto circa 100 metri.

Raggiungerlo è facile, circa 30 o 40 km dopo la zona delle più conosciute spiagge nere, si devia di appena un paio di chilometri verso l’interno dell’isola, dalla Hringvegur, la strada ad anello che percorrerete per fare il giro dell’Islanda.

Queste sono le principali attrazioni nell’Islanda del Sud. Sono sicuro che nessuna di loro ti lascerà deluso. Se stai pianificando il tuo viaggio in Islanda scopri cosa ti aspetta nelle altre regioni dell’islanda.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

* Lasciando un commento accetti la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito.